inlakesh motto

Nella tradizione Maya c’è un saluto che risponde alla legge di “In Lak’ech Ala K’in”, che significa più profondamente: io sono te e tu sei me.
Questo saluto è un vero e proprio codice morale verso l’altro.
È una dichiarazione di unità, di condivisione ed empatia verso il mondo.

In Lak’ech riflette lo stesso sentimento di altri saluti come “Namaste” per l’India orientale, “Wiracocha” per gli Inca, “Mitakuye Oyasin” per i Lakota e “Aloha” per gli Hawaiiani.

Inlakesh Film nasce con lo spirito di raccontare il mondo con uno sguardo aperto verso “l’altro” attraverso il cinema e il teatro, affinché siano fonte di condivisione, empatia, passione e ricerca.

Con Inlakesh Film nasce anche Lab96, uno spazio culturale situato nel cuore del quartiere artistico Ostiense di Roma. Qui, sarà possibile partecipare ad attività formative in ambito cinematografico e teatrale, con laboratori e workshop di recitazione, regia, produzione cinematografica, yoga per attori, ecc.., oltre ad eventi culturali e tanto altro ancora.

Inoltre le sale di Lab96 (una di 55 mq e l’altra di 30 mq)  sono disponibili anche al noleggio per prove, workshop, casting, presentazione libri, coworking, ecc..

Per maggiori info clicca qui

Sostieni Inlakesh Film

Invia un contributo

carmelo segreto

Carmelo Segreto

Carmelo Segreto è uno sceneggiatore e regista italiano. Nato in Sicilia nel 1991. È laureato in Cinema presso il Dams di Bologna con una tesi di laurea sul film “Non essere cattivo” di Claudio Caligari.

Studia recitazione presso il Centro Studi Duse International e regia cinematografica presso l’Accademia del Cinema Renoir.

Nel 2016, presso l’Ufficio Stampa “Fosforo” di Manuela Cavallari, lavora all’aspetto promozionale di numerose produzioni cinematografiche.

Come regista ha realizzato tre cortometraggi: il primo è un documentario sulla storia di Libero Grassi e Pina Maisano dal titolo “Voglio essere Libero”, distribuito nei Licei nell’ambito della “Giornata delle Elette Virtù Civili 2018” istituita dall’Associazione Civile Giorgio Ambrosoli e tra i quali membri vi sono Veronica Marzotto, Ferruccio De Bortoli, Umberto Ambrosoli, Fabrizio Caprara, Roberto Notarbartolo.

Il secondo, nel 2018, è un dramma dal titolo “Un Giorno alla Volta” con protagonista ed unico interprete l’attore Andrea Planamente. Con questo cortometraggio vince il premio come Miglior Cortometraggio al Festival Internazionale “Premio Giulio Questi”, il Premio Rai Cinema Channel al Social World Film Festival 2018, il premio Cinebus 2018 e il premio come Miglior Corto Italiano al Roma Cinema Doc, oltre a partecipare allo Short Film Corner del Festival di Cannes e a numerosi festival italiani ed internazionali.

Il terzo cortometraggio, dal titolo “Humam” uscito nel 2019, vede come protagonisti Aniello Arena e Miloud Benamara, oltre alle musiche originali di Giuliano Taviani.

Con questo cortometraggio partecipa a oltre cinquanta festival italiani ed internazionali, vincendo come miglior cortometraggio l’Indie Visions Film Festival negli Stati Uniti, il Vienna Film Awards come miglior cortometraggio internazionale, il Premio del Pubblico al Roma Tre Film Festival, il premio come Miglior Autore Emergente al Periferia dell’Impero Short Film Festival, il Premio Vicoli Corti, il Premio Isola del Cinema, il Premio Nuovo Cinema Aquila con in più una Menzione Speciale, e il Premio Scuderie MArteLive.

Da Giugno 2020 il corto è disponibile On-Demand sulla piattaforma RaiPlay.

Dal 2016 è l’organizzatore di “Meisner Roma”, workshop di recitazione sulla “Tecnica Meisner” condotto dal regista e insegnante statunitense Steven Ditmyer, e allievo di Sandford Meisner.

Alla fine del 2020 fonda, in società con i colleghi Francesco de Francesco e Michele Mancarella, INLAKESH FILM con il fine di produrre e sviluppare progetti audiovisivi e teatrali, e LAB96 un laboratorio di arti audiovisive finalizzato alla formazione di attori, sceneggiatori, registi e produttori di domani.

Francesco De Francesco

Francesco De Francesco nasce a Cosenza nel 1984. Nel 2005 si trasferisce a Firenze dove per 5 anni fa parte della compagnia stabile ‘Krypton’ di Giancarlo Cauteruccio, con la quale partecipa a decine di produzioni teatrali. Trasferitosi a Roma, si iscrive all’Accademia Beatrice Bracco e contemporaneamente frequenta l’accademia di doppiaggio di Roberto Pedicini e Cristian Iansante.

Inoltre, frequenta per 4 anni il “Centro studi – Duse International” di Francesca De Sapio, iniziando un percorso di approfondimento del “Metodo Strasberg- Stanislasvkij”, con l‘integrazione di altre tecniche come quella di Sanford Meisner e la bioenergetica di Alexander Lowen.

Partecipa a vari seminari con acting coach internazionali quali Michael Margotta e Ivana Chubbuck.

Nel 2015 è diretto da Massimiliano Bruno in “Passpartu”.

Sempre nel 2015 è nel cast del film “Un cerchio Imperfetto” di Ilaria Mutti, e di “Fuori” per la regia di Alfredo De Marco.

Nel 2017 partecipa come selezione attoriale al film del regista  Daniele Luchetti “ Io sono Tempesta”.

Nel 2017 è attore protagonista dello spettacolo “Il Decalogo” di Kieślowski con Ewa Spadlo regia di Stefano Alleva.

Nel 2018 è attore protagonista dello spettacolo “Italian job” con Euridice Axen regia di Claudio Boccaccini.  

Nel 2018 è il protagonista della pubblicita’ “Generali Assicurazioni”. È attore e produttore del progetto “Italian Blood Stories”, con la direzione artistica di Claudio Fragasso.

Nel 2019 è attore protagonista del film “la scelta Giusta” diretto da Adrea d’Emilio, on demand su Amazon Prime Video e Chili da dicembre 2020.

Sempre nel 2019 firma la regia dell’opera teatrale “Figura materna” di Alan Ayckbourn e dell’opera “Tra un boccone e l’altro” di Alan Ayckbourn .

Partecipa come acting coach di Aniello Arena e Miloud M. Benamara al cortometraggio “Humam” per la regia di Carmelo Segreto.

È assistente alla regia del film “Regina” di Alessandro Grande.

Nel luglio 2020 dirige lo spettacolo teatrale “La prigioniera” del drammaturgo francese Édouard Bourdet.

Dal 2016 è il direttore artistico del Festival “Il paese di Gertrude”, e nel 2020  diviene Presidente dell’ associazione omonima.

Dal 2016 al 2020 è docente di recitazione e socio de “Il Cantiere Tetrale”, accademia di recitazione cinematografica e teatrale.

Alla fine del 2020 fonda, in società con i colleghi Carmelo Segreto e Michele Mancarella, INLAKESH FILM con il fine di produrre e sviluppare progetti audiovisivi e teatrali, e LAB96 un laboratorio di arti audiovisive con sede in Via Federico Nansen 96 (Ostiense), finalizzato alla formazione di attori, sceneggiatori, registi e produttori di domani.

Michele Mancarella

Michele Mancarella nasce nella provincia di Caltanissetta nel 1994 senza, però, abitarci mai. Cresce di fatti a Roma ma mantiene solido il legame con la sua terra d’origine.

Il suo primo contatto con il mondo della recitazione lo ha prendendo parte al doppiaggio in dialetto del film “Alla luce del sole” di Roberto Faenza nel 2005. Frequenta corsi di teatro dagli 11 ai 14 anni presso il teatro Auditorium San Leone Magno.

Studia e si diploma al corso professionale di recitazione de Il Cantiere Teatrale sotto la direzione artistica di Elisabetta De Vito e l’insegnamento di docenti come Ninni Bruschetta, Giorgio Tirabassi e Annabella Cerliani.

Partecipa, inoltre, a numerose produzioni teatrali tra il 2018 e il 2020.

Nel frattempo, coltiva diverse attitudini lavorando anche nel settore del turismo in cui affina la capacità di programmazione d’impresa e sviluppo online.

 

Alla fine del 2020 fonda, in società con i colleghi Carmelo Segreto e Francesco De Francesco, INLAKESH FILM con il fine di produrre e sviluppare progetti audiovisivi e teatrali, e LAB96 un laboratorio di arti audiovisive con sede in Via Federico Nansen 96 (Roma- Ostiense), finalizzato all’organizzazione di eventi culturali e alla formazione di attori, sceneggiatori, registi e produttori di domani.

Foto di Luca Carlino. © Tutti i diritti riservati